4° Lab Teatrointransizione – il Cosa – IL CUORE

“Quando ci troviamo in uno stato di apertura e di creatività e ci sentiamo connessi con gli altri e con noi stessi, prendiamo le decisioni migliori. Siamo capaci di vedere in modo più ampio e di scorgere le conseguenze nel tempo di quello che stiamo facendo.” Sophy Banks

In questo quarto incontro del laboratorio di TeatroinTransizione, abbiamo continuato ad esplorare il COSA sarà questo spettacolo sulla Transizione che è necessario intraprendere per uscire da questo attuale modello socio-economico insostenibile. Dopo essere passati dalla TESTA (n.3) , questa volta ci siamo soffermati sul CUORE.

Continua a leggere…/ read more…

3° Lab Teatrointransizione – il Cosa – LA TESTA

 – Ma allora Voi “della Transizione” cosa fate praticamente?
– Cerchiamo di pensare bene. – Cristiano Bottone

Dopo i primi due incontri del laboratorio di TeatroinTransizione, dove abbiamo indagato sul PERCHE’ (n.1) e sul COME (n.2), in questo terzo appuntamento (il 21 febbraio) abbiamo iniziato a costruire il COSA sarà questo spettacolo sulla Transizione che è necessario intraprendere per uscire da questo attuale modello socio-economico insostenibile.

E da cosa siamo partiti? Nell’incertezza abbiamo pensato di procedere con il nostro metodo TESTA-CUORE-MANI (tutto ben spiegato in questo video).
Perché l’essere umano è fatto di questo, parti antiche come le MANI e il CUORE e più recenti come la TESTA. Emozioni, istinto e (a volte) razionalità che quasi mai sappiamo come gestire.
In questo incontro siamo partiti dalla TESTA, ma sempre in maniera teatrale.

tempestaperfettacappello.png

Continua a leggere…/ read more…

2° Laboratorio Teatrointransizione: il come.

« Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. » Antoine-Laurent de Lavoisier

Circa un mese fa, con il primo incontro, abbiamo intrapreso questo avventuroso laboratorio chiedendoci “PERCHE’ siamo qui?”

In questo secondo appuntamento siamo ripartiti da questa domanda e siamo andati avanti iniziando ad immaginare COME potesse essere questo spettacolo sulla Transizione che stiamo costruendo.

20160117-lab TinT COME cerchio.jpg

Continua a leggere…/ read more…

1° Laboratorio Teatrointransizione: perché siamo qui?

“Anche il più lungo viaggio comincia con un primo passo” Lao-Tze

Tutto è nato mentre facevamo altro, ma come abbiamo imparato, in transizione bisogna “lasciare che il processo vada dove vuole andare”.

Stavamo partecipavamo al corso “Facilitatori della transizione”.

facilitattori

I nostri fantastici Trainer davanti alla mappa del corso (Testa-Cuore-Mani) ed un misterioso cartoncino.

Continua a leggere…/ read more…

I Cacciatori di Sogni (the Dreamcatchers)

” We are like islands in the sea, separated on the surface, but connected in the deep.” William James
(Siamo come isole nel mare, separate superficie, ma connesse in profondità)

English version below.

L’ultimo giorno del Theatre for Transition Learning Village, molti espressero un sogno, cercando altri con cui condividerlo e trasformarlo in un progetto concreto, da far diventare realtà.
La ragazza (che vedete nella foto) raccontò di come, tornata a casa volesse provare a replicare nella sua città l’entusiasmante esperimento di Bologna. Ma immaginò anche che ogni mese, contemporaneamente in diverse città del mondo, nelle strade e nelle piazze, tanti teatranti (ma non solo) potessero incontrare persone comuni per ascoltare ed interpretare le loro storie, i lori sogni. Perché per realizzare la transizione verso un mondo migliore, bisogna prima saperla immaginare.
“Potremmo farlo il 7 di ogni mese” aggiunse quel ragazzo (sempre nella foto).

maike dream

Alla fine anche qui a Bologna abbiamo deciso di provare, il 7 settembre.
Continua a leggere…/ read more…

Transition Fest 2015, da dietro le quinte del Teatro in Transizione

Ecco il racconto della seconda edizione del Festa della Transizione Italiana, da chi si è goduto lo spettacolo dietro le quinte del Teatrointransizione.

transition ship 2La Nave della Transizione 2.0 e la sua meravigliosa ciurma. Siamo salpati!

PECHA KUCHA 2.0 – Onoriamo le nostre storie
Dopo due anni abbiamo ricominciato raccontandoci i nostri progetti, i nostri sogni, i nostri successi e perché no pure i nostri fallimenti, ancora usando il sistema Pecha Kucha. Un proiettore, un computer e solo 5 minuti a disposizione per ognuno. Continua a leggere…/ read more…